Manzo metodo Kobe

La carne di bovino Argentina metodo Kobe è prodotta dalla razza Wagyu originaria del Giappone.
Storia: In origine era allevato per la sua forza robustezza. Utilizzato quindi come forza lavoro. Per diversi secoli alcune mandrie di Wagyu sono rimaste fisicamente quindi geneticamente isolate nelle regioni montagnose del Giappone a causa di barriere naturali. L'isolamento ha limitato al massimo gli incroci di riproduzioni.
Caratteristiche: La carne di razza Wagyu deve la sua fama mondiale alle numerose venature intramuscolari dove il grasso è distribuito soprattutto all'interno del muscolo e non intorno ad esso.
Le venature conferiscono alla carne l'aspetto marmorizzato è la rendono unica per la sua succosità, tenerezza, sapore e profumo. Per questo è definita la migliore carne del mondo. Inoltre, la carne possiede un contenuto di grassi saturi che la metà di quello contenuto nella maggior parte dei tagli di manzo in commercio. Contribuisce, quindi, all'abbassamento del colesterolo.


Introduzione in Argentina: L'Argentina è uno dei posti migliori dove produrre carni. Ecco perché la razza Wagyu, considerata la migliore al mondo, è stata introdotta nel paese.
Allevamento e alimentazione: È prodotta da solo sette selezionati allevatori argentini situati nella regione "pampas" che allevano rispettando un rigido progetto di qualità.
Il bestiame ha una crescita esclusivamente naturale senza uso di ormoni. Raggiunge i sei mesi in modo naturale, dopo l'alimentazione viene integrata sine 30 mesi con grano di produzione propria, avena, orzo e 10% di grassi naturali. Al piacere di gustarla e ai benefici salutari corrispondono alcuni svantaggi per gli allevatori. Infatti la razza Wagyu è famosa anche per il basso tasso di crescita rispetto alle altre razze. Le condizioni completamente naturali di allevamento non permettono un programma di crescita accelerata. Il risultato di questa predisposizione genetica ad un accrescimento lento insieme ad una produzione limitata fa sì che questa sia la più costosa delle carni al mondo.

Share by: